Lingue e dialetti del Friuli

Lingue e dialetti

Lingue e dialetti del Friuli


Il nome Friuli è di origine romana e deriva dalla città di Forum Iulii (ora Cividale del Friuli) fondata da Giulio Cesare verso la metà del I secolo a.C. e divenuta dopo la distruzione di Aquileia ad opera degli Unni nel (452 d.C.), il capoluogo della regione Venetia et Histria, in posizione pedemontana più appartata, ma più sicura. Con le invasioni barbariche il nome, contrattosi nella forma attuale fu esteso a tutta la regione circostante sulla quale la città esercitava la sua giurisdizione, che divenne prima ducato, poi marca ed infine contea del Friuli. Anche il nome Venezia Giulia si richiama alla tradizione romana della Venetia et Histria e delle Alpes Iuliae, ricordando il substrato dei venetici e le imprese di Giulio Cesare e di Cesare Ottaviano Augusto, entrambi della Gens Iulia.

Il Friuli Venezia Giulia è da sempre una terra di confine e di incontro di popoli. Oltre all’italiano, lingua ufficiale, la Regione autonoma ha anche riconosciuto ufficialmente come lingue regionali il friulano, lo sloveno ed il tedesco. Sono molto utilizzati come lingua dialettale altri idiomi sia neolatini che di altre famiglie linguistiche. Accanto alle lingue sopra citate, in regione si parlano dei dialetti veneti, riconosciuti e tutelati dalla L.R. 17 febbraio 2010, n. 5 come “patrimonio tradizionale della comunità regionale”, come il triestino, il bisiaco, il dialetto gradese, il maranese, il muggesano, il liventino, il veneto dell’Istria e della Dalmazia, il dialetto udinese e quello pordenonese. Dialetti di tipo veneto si erano anche diffusi presso la borghesia urbana delle città di Udine, Gorizia e Palmanova.